cucina e vini dei Colli Bolognesi
vini dei colli bolognesi
tel +39 051 830265 - 331 7300553
info@gradizzolo.it
via Invernata, 2
Valsamoggia (Bologna)
loc. Monteveglio
Instagram Feed
Search
  • No products in the cart.

Carrello

azienda agricola Ognibene

Gradizzolo vini

Vieni a scoprire i nostri vini naturali e l’agricucina di stagione nel nostro agriturismo.

Produciamo vini dei Colli Bolognesi. Abbiamo scelto di utilizzare vitigni autoctoni, alcuni quasi dimenticati, come il Negrettino e l’Alionza, e metodi di vinificazione antichi come l’anfora e la rifermentazione in bottiglia.

la nostra

filosofia

La nostra scelta è stata chiara: se ami davvero un territorio, lo devi rispettare e conoscere a fondo. Da questo nascono i nostri vini di uve locali e coltivate secondo natura: senza sostanze chimiche di sintesi e senza interventi invasivi in cantina.

leggi di più

in vigna

Alionza

La usiamo per: Gargiolo

Pignoletto (Grechetto gentile)

lo usiamo per: le Anfore, PignOro, Ber Sot

Negrettino

Lo usiamo per: Naigarten, BerSot rosso

Barbera

Barbera: la usiamo per Bricco dell'Invernata, Garò, Chinè, Ber Sot rosso

in cantina

Sono cresciuto in questa azienda, che ha sempre avuto le vigne. Nel ’73 sono subentrato a mio padre, e dopo una decina di anni abbiamo cominciato ad imbottigliare il nostro vino. Abbiamo mantenuto la tradizione di casa, e tutta emiliana, dei rifermentati, ma ci siamo divertiti anche con il metodo classico.

Quando poi ho visto la grande anfora romana che è stata rinvenuta in zona, e che ora è conservata all’ecomuseo di Castello di Serravalle, ho voluto provare a usare quella tecnica antica, che evidentemente era già in uso anche qui. Era la metà degli anni ’90…

Sempre una ventina di anni fa intrapresi seriamente il sentiero (allora non troppo frequentato, almeno qui da noi) della biodinamica, alla quale mi ero già interessato, e del recupero delle varietà locali di uva. Pionere? Incosciente? Ho semplicemente fatto quello che sentivo.

Uva e territorio, cuore e testa: questo è quello che ci vuole per fare vino di qualità e per affrontare gli imprevisti che la natura può riservare. Perché sia anche buono, ci vuole anche un pizzico di… d’annata fortuna!

Antonio Ognibene